C’è una significativa inattività dell’attività di camminata.

La malattia di Huntington di solito inizia tra 30 e 30 anni. 50 anni. Invecchiamento: – compleanno. I sintomi della demenza di solito compaiono prima dell’ansia motorio, ma a volte il primo sintomo della malattia sono movimenti involontari. All’inizio, i pazienti osservano un’iniziativa ridotta, un interesse più ristretto e processi di pensiero più lenti. Lentamente, nel giro di pochi anni, si sviluppa una notevole opacità. Più tardi nella vita della malattia compaiono condizioni psicotiche con deliri e allucinazioni.

Lo stato di ansia del movimento sta crescendo lentamente. I movimenti involontari nella corea cronica sono particolarmente intensi nei muscoli del tronco e degli arti. C’è una significativa compromissione dell’attività di deambulazione, durante la quale si intensificano i movimenti involontari. I movimenti incontrollabili della lingua e delle labbra rendono difficile parlare e mangiare. La tensione muscolare generale è ridotta (con l’eccezione di Westphala, una malattia in cui si osservano rigidità e immobilità e i sintomi si verificano già nella prima infanzia).

Con il trasferimento dei geni della malattia alle generazioni successive, vi è un aumento e una precedente manifestazione dei sintomi nei discendenti (questo è un fenomeno di anticipazione, specialmente quando i geni vengono trasferiti dal padre). I risultati di laboratorio sono normali e l’imaging (tomografia computerizzata e risonanza magnetica) mostra l’ingrandimento del sistema ventricolare cerebrale con un’immagine della camera laterale simile a quella di un’ala di farfalla, risultante da cambiamenti atrofici nel nucleo caudale.

La tomografia ad emissione di positroni mostra una ridotta attività metabolica delle cellule all’interno della coda, del guscio e della corteccia (vale a dire nelle aree colpite dalla malattia).

Diagnosi della malattia di Huntington

Una diagnosi preliminare della malattia di Huntington può essere basata sulla storia familiare della malattia e sui sintomi di: coreure, demenza e disturbi della personalità. La diagnosi è confermata da un’analisi del materiale genetico con cambiamenti caratteristici nel gene che codifica la proteina huntingtina.

La differenziazione della malattia di Huntington tiene conto di altre malattie ereditarie (malattia di Wilson, atassia cerebellale-spinale, neuroacantocitosi), movimenti coreografici in altre malattie, infezioni e malattie del sistema immunitario (corea di Sydenham, encefalomielite, lupus eritematoso sistemico).

Sintomi simili possono verificarsi dopo l’uso di un agente farmacologico (ad esempio nel caso di un farmaco). dopo i farmaci quolinolitici, dopo aver assunto i levodopoi usati nella malattia di Parkinson) e nelle malattie vascolari cerebrali (ictus emorragico e ischemico del cervello nelle vicinanze del nucleo toracico basso) e disturbi metabolici o endocrinologici presenti nelle donne in gravidanza, nonché durante l’uso di contraccettivi orali.

Trattamento della malattia di Huntington

Non è possibile trattare causalmente la malattia di Huntington (portando all’inversione dei cambiamenti morfologici nel cervello e alla rimozione del gene anormale dalle cellule). La gestione terapeutica è solo sintomatica. La riabilitazione fisica viene effettuata per migliorare gli esercizi di deambulazione e logopedia e anche l’aiuto di uno psicologo.

Alcuni neurolettici sono usati in preparati farmacologici somministrati per alleviare i sintomi della malattia (ad esempio aloperidolo e rifondone) e farmaci che rimuovono la dopamina dalle terminazioni nervose (ad esempio antibiotici e antibiotici). Nei pazienti con disturbi mentali è stato sviluppato un numero di farmaci (ad es. Thiapride) per ridurre i movimenti involontari, così come gli antidepressivi e gli antipsicotici. Sotto forma di Westphala, fu usata una levodopa.

La prognosi non ha successo. La malattia di Huntington è progressiva, i pazienti muoiono dopo diversi anni dalla diagnosi della malattia. La causa più comune di morte è la polmonite golosa, che si sviluppa a causa di disturbi della deglutizione che causano l’ingresso di cibo per via orale nell’albero bronchiale.

Lorenza Scoma
Informazioni su Lorenza Scoma 123 Articoli
Si può dire molto di Lorenza Scoma, ma per lo meno è persuasiva e disinteressata, naturalmente è anche protettiva, allegra e leader, ma sono contaminati e mescolati con le abitudini di essere privi di tatto. la sua natura persuasiva, però, è ciò per cui è spesso ammirata. Spesso le persone contano su di loro e sul suo atletismo ogni volta che hanno bisogno di tirarsi su. Nessuno è perfetto naturalmente e Lorenza ha anche degli stati d'animo e dei giorni marci. la sua natura sconcertante e la sua natura pomposa causano molte lamentele, sia personalmente che per gli altri. Fortunatamente il suo altruismo assicura che non è il caso molto spesso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*