I Vasi Sanguigni – I Capillari

I capillari sono vasi sanguigni estremamente piccoli: sono di dimensioni microscopiche, la cui parete è composta solamente da un singolo strato di cellule, chiamato endotelio, rinforzato all’esterno da una guaina di fibre reticolari.
Il loro numero è elevatissimo, tanto da formare una vera e propria “rete di capillari”. Sono presenti in ogni regione dell’organismo umano.

Gli scambi gassosi anidride carbonica/ossigeno tra le cellule e i globuli rossi e dei nutrienti e dei prodotti di scarto tra le cellule ed il sangue avvengono solamente attraverso la sottilissima parete dei capillari. 
L’ossigeno ed il glucosio sono diffusi dai capillari al liquido che circonda le cellule. L’anidride carbonica e i prodotti di rifiuto sono diffuse dalle cellule ai capillari.

Il cuore e gli altri vasi sanguigni (arterie, arteriole, venule e vene) sono al servizio dei capillari, i quali rappresentano l’ultima frontiera, quella che serve la più piccola unità vivente organizzata di un organismo: la cellula!

 

I capillari (1) I Vasi Sanguigni   I Capillari

 

Capillari e attività fisica: l’importanza del riscaldamento muscolare

Attenzione:

non tutti i capillari sono in funzione contemporaneamente. I capillari di tessuto che in quel determinato momento non necessitano di particolare quantità di ossigeno e nutrienti, sono chiusi. In questo modo, attraverso la vasocostrizione, il sangue viene dirottato verso i distretti che ne hanno maggiormente bisogno.

Ad esempio: durante l’attività fisica, i capillari del tessuto muscolare, in modo particolare dei muscoli che sono impegnati nel movimento, sono aperti. Mentre i capillari dei tessuti che in quel momento non sono attivi, ad esempio i capillari dell’apparato digerente, vengono chiusi.

Capillari e riscaldamento muscolare

Uno degli scopi dei riscaldamento propedeutico all’attività fisica, è proprio quello di portare all’apertura del letto di capillari dei muscoli scheletrici.

Più capillari saranno aperti, maggiore sarà l’apporto di sangue alle cellule, di conseguenza, più cellule riceveranno il rifornimento di energia e ossigeno: la performance sarà migliore!

Capillari e defaticamento

Fare defaticamento dopo l’attività fisica, vuol dire permettere una efficace rimozione dei prodotti di scarto dalle cellule prima che il letto capillare venga chiuso.

Questo consentirà un recupero delle energie migliore e più rapidamente, ed eviterà i dolori ed il senso di pesantezza dovuti all’affaticamento che di solito si manifestano il giorno dopo una attività fisica intensa.

I dolori da affaticamento muscolare sono dovuti alla non completa rimozione dei prodotti di scarto del metabolismo dai tessuti interessati.

Lorenza Scoma
Informazioni su Lorenza Scoma 123 Articoli
Si può dire molto di Lorenza Scoma, ma per lo meno è persuasiva e disinteressata, naturalmente è anche protettiva, allegra e leader, ma sono contaminati e mescolati con le abitudini di essere privi di tatto. la sua natura persuasiva, però, è ciò per cui è spesso ammirata. Spesso le persone contano su di loro e sul suo atletismo ogni volta che hanno bisogno di tirarsi su. Nessuno è perfetto naturalmente e Lorenza ha anche degli stati d'animo e dei giorni marci. la sua natura sconcertante e la sua natura pomposa causano molte lamentele, sia personalmente che per gli altri. Fortunatamente il suo altruismo assicura che non è il caso molto spesso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*