Il Cuore – Il Battito Cardiaco 1. Perché Il Cuore Batte? Il Miocardio

Il battito del cuore è una successione di eventi. In media, il cuore batte per circa 70 volte al minuto, in condizioni di riposo.

Il cuore è una pompa a due stadi:

  • primo stadio (o fase), si contraggono gli atri;
  • secondo stadio (o fase), si contraggono i ventricoli.

il secondo stato è immediatamente successivo al primo.

 

BATTITI CARDIACI E ALLENAMENTO SPORTIVOSappiamo che uno degli adattamenti che l’attività fisica praticata con costanza comporta, è la possibilità di ridurre il numero di battiti a riposo. E anche di parecchio! La frequenza cardiaca può tranquillamente scendere a 60 bpm. Con un allenamento specifico per la resistenza poi, in individui che presentano delle caratteristiche geneticamente favorevoli, si può anche scendere a 50 bpm, 45 bpm, addirittura in ciclisti di elite non è difficile registrare fc intorno ai 40 bpm.

Caratteristiche delle cellule muscolari del cuore

Caratteristica delle fibre muscolari del miocardio Il Cuore   Il Battito Cardiaco 1. Perché Il Cuore Batte? Il MiocardioLe cellule muscolari del miocardio (muscolo del cuore), presentano caratteristiche comuni sia alle cellule muscolari striate: le numerose striature, i molti mitocondri (il micardio è un muscolo che si contrae in continuazione e deve essere resistentissimo); sia alle cellule dei muscoli lisci viscerali (la contrazione avviene indipendentemente dalla nostra volontà).
Una caratteristica peculiare delle cellule del miocardio è che tra di loro presentano delle unioni, per permettere al potenziale di azione che le fa contrarre di diffondersi da una cellula all’altra, per l’intero volume del muscolo.

Nella figura a fianco, una fotografia al microscopio elettronico e un disegno esplicativo delle particolari unioni tra le cellule muscolari del miocardio.

Il nodo senoatriale

La contrazione di una cellula muscolare viene poi propagata a tutte le altre cellule.
Il responsabile di questa “contrazione a catena” è un gruppo di cellule localizzate nel nodo senoatriale.

Il nodo senoatriale è localizzato nell’atrio destro in prossimità dell’ingresso della vena cava superiore.

Il potenziale di azione che genera la contrazione del miocardio parte dal nodo senoatriale e si diparte prima agli atri, e poi ai ventricoli.

Ma…….:

  1. quale fenomeno porta il nodo senoatriale a generare l’impulso?
  2. con che sequenza lo stimolo della contrazione si diffonde?

Cominciamo con il secondo quesito.

Lorenza Scoma
Informazioni su Lorenza Scoma 123 Articoli
Si può dire molto di Lorenza Scoma, ma per lo meno è persuasiva e disinteressata, naturalmente è anche protettiva, allegra e leader, ma sono contaminati e mescolati con le abitudini di essere privi di tatto. la sua natura persuasiva, però, è ciò per cui è spesso ammirata. Spesso le persone contano su di loro e sul suo atletismo ogni volta che hanno bisogno di tirarsi su. Nessuno è perfetto naturalmente e Lorenza ha anche degli stati d'animo e dei giorni marci. la sua natura sconcertante e la sua natura pomposa causano molte lamentele, sia personalmente che per gli altri. Fortunatamente il suo altruismo assicura che non è il caso molto spesso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*