Il Cuore – La Circolazione Sanguigna (1)

Le funzioni dell’apparato cardio circolatorio

Il sangue, e quindi con esso i nutrienti, i prodotti di rifiuto del metabolismo ed i gas anidride carbonica e ossigeno, sono in grado di raggiungere le più remote cellule dell’organismo attraverso un complesso sistema, formato da:

  • una rete di “tubi”, “condotte”: i vasi sanguigni;
  • ed una pompa che ha il compito di spingere il sangue in questo sistema: il cuore.

E’ proprio grazie alla pressione esercitata dal cuore, che il sangue può scorrere nei vasi sanguigni e raggiungere tutti gli angoli dell’organismo percorrendo la fitta ramificazione costituita dall’apparato vascolare.
Il flusso sanguigno, segue un’unica direzione, il sangue non ritorna indietro passando dagli stessi vasi sanguigni entro i quali ha raggiunto le cellule, ma segue appunto un movimento circolatorio.

L’importanza della circolazione capillare

I nutrienti e l’ossigeno riescono a raggiungere ciascuna cellula grazie a vasi sanguigni piccolissimi: i capillari. Dai capillari passando attraverso il fluido interstiziale, i nutrienti e l’ossigeno riescono ad oltrepassare la membrana cellulare ed entrare nella cellula.

In condizioni di riposo, approssimativamente il 5% dell’intera quantità di sangue dell’organismo umano, si trova nella circolazione capillare. Sarà proprio questa quantità di sangue a svolgere la vera funzione del sistema cardio circolatorio: fornire ossigeno e nutrienti a ciascuna cellula e rimuovere i prodotti di rifiuto del metabolismo e l’anidride carbonica dalla cellula stessa. Tutte le altre strutture del sistema cardio circolatorio, si può dire che servono come supporto al lavoro dei capillari, visto che sono proprio loro a raggiungere “il cliente finale”: la cellula.

Anatomia del sistema cardio circolatorio

Nel 1628, il fisiologo inglese William Harvey scoprì che il sistema cardiocircolatorio forma un circolo: Il sangue veniva pompato dal cuore attraverso una serie di vasi, per poi ritornare sempre al cuore, attraverso un’altra serie di vasi sanguigni.

Le due circolazioni: Circolazione polmonare e circolazione sistemica

L’apparCircolazione sistemica circolazione polmonare Il Cuore   La Circolazione Sanguigna (1)ato circolatorio viene suddiviso in due circolazioni:

  • Circolazione polmonare (detta anche piccola circolazione);
  • Circolazione sistemica (detta anche grande circolazione).

Come è possibile vedere nella figura, entrambe le circolazioni originano e terminano al cuore, il quale è suddiviso in due metà funzionali. 
Ciascuna delle due metà è, a sua volta composta da due cavità:

  • una cavità superiore: l’atrio;
  • una cavità inferiore: il ventricolo.

Entrambi gli atrii, al momento del loro svuotamento, spingono il sangue in essi contenuto, all’interno del ventricolo della propria metà: atrio destro nel ventricolo destro, atrio sinistro nel ventricolo sinistro e

NON VI E’ COLLEGAMENTO DIRETTO NE’ TRA I DUE ATRI, NE’ TRA I DUE VENTRICOLI, ma solo tra atri e ventricoli della stessa metà del cuore.

Il cuore, ad ogni battito immette sangue in entrambe le circolazioni, quella polmonare e quella sistemica.
Il sangue viene pompato nel circuito polmonare dal ventricolo destro e, ritorna all’atrio sinistro del cuore. Dall’atrio sinistro passa al ventricolo sinistro che lo pompa nella circolazione sistemica (in tutti i tessuti ed organi dell’organismo, eccetto i polmoni). Ritorna poi all’atrio destro da dove ricomincia il ciclo.

Vene ed arterie

Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, le vene NON sono i vasi nei quali scorre esclusivamente sangue ricco di anidride carbonica, e le arterie NON sono vasi sanguigni dove scorre esclusivamente sangue ricco di ossigeno.

I vasi sanguigni che portano il sangue LONTANO DAL CUORE sono le arterie.

Le arterie polmonari contengono il sangue ricco di anidride carbonica dal cuore ai polmoni, per scambiare la CO2 con l’ossigeno, le arterie della circolazione sistemica contengono il sangue ricco di ossigeno da cuore ai tessuti dell’organismo.

I vasi sanguigni che portano il sangue AL CUORE sono le vene.

Lorenza Scoma
Informazioni su Lorenza Scoma 123 Articoli
Si può dire molto di Lorenza Scoma, ma per lo meno è persuasiva e disinteressata, naturalmente è anche protettiva, allegra e leader, ma sono contaminati e mescolati con le abitudini di essere privi di tatto. la sua natura persuasiva, però, è ciò per cui è spesso ammirata. Spesso le persone contano su di loro e sul suo atletismo ogni volta che hanno bisogno di tirarsi su. Nessuno è perfetto naturalmente e Lorenza ha anche degli stati d'animo e dei giorni marci. la sua natura sconcertante e la sua natura pomposa causano molte lamentele, sia personalmente che per gli altri. Fortunatamente il suo altruismo assicura che non è il caso molto spesso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*