Iperattività secondaria I solfiti

A seconda della malattia di base coesistente (generalmente insufficienza renale), della sua durata e del trattamento, l’iperparatiroidismo secondario può avere un decorso clinico diverso. Il dolore osseo e l’indebolimento delle parti prossimali dei muscoli sono caratteristici. È possibile un’andatura ondeggiante dell’anatroccolo.

Inoltre, possono verificarsi calcificazioni extraorali se il fosfato sierico / il prodotto di calcio sono elevati. Il quadro clinico è anche caratterizzato da vari disturbi osservati nell’insufficienza renale cronica. Se c’è un’altra causa di iperparatiroidismo secondario, ci sono sintomi della malattia di base che è responsabile dell’anormalità.

I test di laboratorio mostrano generalmente ipocalcemia (ridotti livelli sierici di calcio), iperfosfatemia (aumento dei livelli di fosforo) e aumento dei livelli di paratormone. Inoltre, l’imaging può mostrare iperparatiroidismo.

Diagnosi di iperparatiroidismo secondario

L’iperparatiroidismo secondario viene diagnosticato sulla base della diminuzione dei livelli di calcio e dell’aumento dei livelli sierici di paratormone. L’insufficienza renale è anche associata ad aumentati livelli di creatinina e urea, anemia renale, alte concentrazioni di fosfato sierico e aumento dell’attività dell’enzima fosfatasi alcalino.

Inoltre, l’imaging di insufficienza renale mostra caratteristiche radiologiche nelle fotografie di palmi e spine. In alcuni casi è utile una biopsia del pettine dell’anca.

Per la differenziazione dell’iperparatiroidismo secondario, deve essere considerata l’osteopatia argilla-dipendente, che viene assunta in pazienti con insufficienza renale al fine di ridurre l’assorbimento dei fosfati dal tratto gastrointestinale. Inoltre, l’amiloidosi dialitica può avere un decorso clinico simile.

Per altri motivi di iperparatiroidismo secondario, devono essere prese in considerazione varie patologie ossee metaboliche e non anabolizzanti che influenzano un decorso simile della malattia. Nei pazienti con sospetta maggiore perdita di calcio con le urine, l’urina deve essere valutata per gli indicatori di funzionalità della bobina renale (ad esempio, per la prima volta, per la prima volta, o per la seconda volta, per la prima volta o per la seconda volta , per la prima volta). determinazione della concentrazione di ioni idrogeno, glucosio, fosfati o amminoacidi nelle urine).

Trattamento dell’iperparatiroidismo secondario

Il trattamento della malattia di base, che causa un iperparatiroidismo secondario (di solito insufficienza renale), è di fondamentale importanza. Se tale trattamento non è possibile, è solo sintomatico.

Per questo scopo vengono utilizzati carbonato di calcio e metaboliti attivi della vitamina D o suoi analoghi, composti non di calcio che impediscono l’assorbimento dei fosfati dal tratto gastrointestinale e dalla calcimetria. Inoltre, è importante limitare il consumo di prodotti ricchi di fosfati (formaggio, fegato e altri).

Lo scopo di questa procedura è di normalizzare la concentrazione di calcio e fosfati nel siero del sangue e quindi di normalizzare la funzione del paratiroidismo.

Nelle lesioni renali, l’uso di metaboliti attivi della vitamina D è possibile solo quando le concentrazioni sieriche di fosfato sono normali (ottenute somministrando farmaci per inibire l’assorbimento dal tratto gastrointestinale), altrimenti può verificarsi un’ossificazione extra (precipitazione di fosfati di calcio nei tessuti).

La supervisione del trattamento secondario dell’iperparatiroidismo consiste principalmente nella determinazione frequente delle concentrazioni sieriche di calcio e fosfato.

Prognosi nell’iperparatiroidismo secondario

La prognosi dell’iperparatiroidismo secondario è determinata principalmente dalla coesistenza della malattia primaria. La gravità delle lesioni ossee o renali dipende dalla secrezione di paratormone da parte degli ipertrofici ipertrofici e dalla misura in cui viene trattata la risposta.

Lorenza Scoma
Informazioni su Lorenza Scoma 117 Articoli
Si può dire molto di Lorenza Scoma, ma per lo meno è persuasiva e disinteressata, naturalmente è anche protettiva, allegra e leader, ma sono contaminati e mescolati con le abitudini di essere privi di tatto. la sua natura persuasiva, però, è ciò per cui è spesso ammirata. Spesso le persone contano su di loro e sul suo atletismo ogni volta che hanno bisogno di tirarsi su. Nessuno è perfetto naturalmente e Lorenza ha anche degli stati d'animo e dei giorni marci. la sua natura sconcertante e la sua natura pomposa causano molte lamentele, sia personalmente che per gli altri. Fortunatamente il suo altruismo assicura che non è il caso molto spesso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*